Giustizia Amministrativa

Pubblicato il 05/07/2017N. 01168/2017 REG.RIC.

N. 00457/2017 REG.PROV.CAU.

N. 01168/2017 REG.RIC.

logo

REPUBBLICA ITALIANA

Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia

sezione staccata di Catania (Sezione Prima)


Il Presidente

ha pronunciato il presente

DECRETO

sul ricorso numero di registro generale 1168 del 2017, proposto da:
Valeria Di Bella, rappresentata e difesa dagli avvocati Santi Delia e Michele Bonetti, con domicilio eletto presso lo studio Santi Delia in Messina, via S. Agostino, 4;

contro

Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, Università degli Studi di Messina non costituiti in giudizio;

nei confronti di

Carla Contarino non costituita in giudizio;

per l'annullamento

previa sospensione dell'efficacia,

PER L'ANNULLAMENTO, IN PARTE QUA, PREVIA MISURA CAUTELARE,

Del D.R. prot. n. 48297 dell'Università degli Studi di Messina (indicato nel sito dell'Ateneo come D.R. n. 1333) pubblicato in data 29 giugno 2017 e avente ad oggetto lo scorrimento delle graduatorie di merito e lo svolgimento delle prove suppletive per l'ammissione ai percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno didattico nella parte in cui esclude parte ricorrente quale soggetto non rientrante tra i posti disponibili messi a scorrimento dall'Ateneo;

per l'accertamento

del diritto di parte ricorrente di essere ammessa alla successiva prova scritta del concorso per l'ammissione ai corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno della classe di concorso scuola secondaria di II grado, nonché di ottenere il risarcimento di tutti i danni subiti e subendi a causa del diniego all'ammissione opposta.

per la condanna in forma specifica ex art. 30, comma 2, c.p.a.

delle Amministrazioni intimate all'adozione del relativo provvedimento di ammissione alla prova scritta dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno della classe di concorso per cui è causa nonché, ove occorra e, comunque, in via subordinata, al pagamento delle relative somme, con interessi e rivalutazione, come per legge;


Visti il ricorso e i relativi allegati;

Vista l'istanza di misure cautelari monocratiche proposta dal ricorrente, ai sensi dell'art. 56 cod. proc. amm.;

Ritenuto che il pregiudizio immediato possa essere evitato con l’ammissione della dott. Di Bella alla prova scritta del 5 luglio p.v., con riserva di esame nel merito delle deduzioni;


P.Q.M.

Accoglie nei termini di cui in premessa l’istanza di tutela cautelare monocratica.

Fissa per la trattazione collegiale la camera di consiglio del 21 settembre 2017.

Il presente decreto sarà eseguito dall'Amministrazione ed è depositato presso la Segreteria del Tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Catania il giorno 5 luglio 2017.






 Il Presidente
 Antonio Vinciguerra





IL SEGRETARIO