Giustizia Amministrativa

Pubblicato il 14/12/2016N. 00906/2016 REG.RIC.

N. 02471/2016 REG.PROV.COLL.

N. 00906/2016 REG.RIC.           

logo

REPUBBLICA ITALIANA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria

(Sezione Seconda)

ha pronunciato la presente

ORDINANZA

sul ricorso numero di registro generale 906 del 2016, proposto da:


Giuseppe Pucci, rappresentato e difeso dall'avvocato Giuseppe Olanda C.F. LNDGPP67S09C352S, con domicilio eletto presso il suo studio in Catanzaro, via Paparazzo N.5;


contro

Comune di Crotone non costituito in giudizio;

nei confronti di

Salvatore Gaetano, Raffaella Cavallo, Alfonso Esposito non costituiti in giudizio;

per l'annullamento:

-del verbale del 25/06/2016 delle operazioni elettorali dell'Ufficio Centrale, nella parte in cui, a seguito delle elezioni amministrative del 05/06/2016 e del turno di ballottaggio del 19/06/2016, sono stati proclamati eletti quali consiglieri comunali per la lista n. 4 "Crotone # in Rete" i sigg.ri Salvatore Gaetano e Raffaella Cavallo e sono stati dichiarati, rispettivamente, primo e secondo dei non eletti per la predetta lista il Sig. Alfonso Esposito e il ricorrente sig. Giuseppe Puccio;

del verbale del 16/06/2016 delle operazioni elettorali dell'Ufficio Centrale, nella parte in cui, a seguito del primo turno delle elezioni amministrative del 05/06/2016, è stata determinata la graduatoria dei candidati alla carica di consigliere comunale in seno a ciascuna lista, in base alla cifra individuale riportata da ciascuno di essi, ed è stata attribuita al ricorrente l'errata cifra individuale di 3161, insufficiente ai fini della proclamazione a consigliere comunale del sig. Giuseppe Pucci;

-nonché del verbale delle operazioni elettorali relative alla sezione n. 62 del Comune di Crotone, nella quale si sono svolte le elezioni del Sindaco e dei consiglieri comunali di Crotone, in uno ad ogni altro atto delle operazioni elettorali svoltesi per l'elezione del Consiglio Comunale e del Sindaco di Crotone tenutesi nei giorni 5/06/2016 e, per quanto riguarda il ballottaggio, 19/06/2016;

-nonché per la correzione del risultato elettorale conseguito dal ricorrente e per il conseguente riconoscimento del diverso ed effettivo risultato elettorale riferito al ricorrente medesimo, che gli consente di essere il quinto degli eletti per la lista n.4 “Calabria # in Rete”;


Visti il ricorso e i relativi allegati;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nella up speciale elettorale del giorno 14 dicembre 2016 il dott. Nicola Durante e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;


Premesso che il ricorrente, candidato al Consiglio comunale di Crotone nella lista “Calabria # in rete”, chiede che gli vengano attribuiti ulteriori 20 voti di preferenza, correttamente riportati nelle tabelle di scrutinio della sezione n. 62, ma obliterati nel verbale della prima tornata di votazione del 5.6.2016;

Ritenuto che, allo scopo di accertare quanto sopra esposto, si rende necessaria una verificazione in contraddittorio con le parti costituite, a cura del Prefetto di Crotone o di suoi delegati, diretta al riesame della tabella di scrutinio, del verbale e delle schede scrutinate nella menzionata sezione n. 62, istituita per l’elezione del Sindaco e del Consiglio comunale di Crotone, nonché del verbale di proclamazione degli eletti al Consiglio comunale di Crotone e di ogni altro documento giudicato utile;

Rilevato che la verificazione sarà eseguita nei trenta giorni dalla notificazione o comunicazione della presente ordinanza ed il relativo esito sarà depositato nella segreteria della Sezione nei successivi quindici giorni;

Dato atto, sin da ora, che le spese della verificazione saranno successivamente liquidate, sulla base di un prospetto, a firma del Prefetto, indicante il numero di ore eccedenti l’orario di servizio impiegato da ciascuno dei verificatori per le operazioni eseguite, con la relativa monetizzazione delle stesse come se si trattasse di ore di servizio straordinario.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria (Sezione Seconda)

Ordina gli incombenti di cui in motivazione.

Rinvia alla decisione definitiva ogni altra pronuncia in rito, nel merito e sulle spese e fissa per l’ulteriore trattazione della causa l’udienza pubblica del 15 marzo 2017.

Così deciso in Catanzaro nella camera di consiglio del giorno 14 dicembre 2016 con l'intervento dei magistrati:

Salvatore Schillaci, Presidente

Nicola Durante, Consigliere, Estensore

Giuseppina Alessandra Sidoti, Referendario

 
 
L'ESTENSOREIL PRESIDENTE
Nicola DuranteSalvatore Schillaci
 
 
 

IL SEGRETARIO