Giustizia Amministrativa

Pubblicato il 15/10/2018N. 01474/2018 REG.RIC.

N. 01930/2018 REG.PROV.COLL.

N. 01474/2018 REG.RIC.           

logo

REPUBBLICA ITALIANA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia

sezione staccata di Catania (Sezione Prima)

ha pronunciato la presente

ORDINANZA

sul ricorso numero di registro generale 1474 del 2018, proposto da


Senza Confine S.r.l., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dall'avvocato Gianluca Rossitto, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia e domicilio eletto presso il suo studio in Catania, corso Italia 46;


contro

Regione Siciliana - Assessorato Regionale Beni Culturali e Identità Siciliana, Regione Siciliana - Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Siracusa, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentati e difesi dall'Avvocatura Distrettuale Catania, domiciliati in Catania, via Vecchia Ognina, 149;
Comune di Siracusa, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall'avvocato Vincenzo Gugliotta, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia e domicilio eletto presso lo studio dell’avv. Giuseppe Caltabiano in Catania, via Livorno 10;
Comune di Siracusa, non costituito in giudizio;

nei confronti

Agenzia del Demanio - Direzione Regionale Sicilia, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dall'Avvocatura Distrettuale Catania, domiciliata in Catania, via Vecchia Ognina, 149;

e con l'intervento di

ad opponendum:
Italia Nostra Onlus, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avvocati Corrado V. Giuliano, Nicoletta Piazzese, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia;

per l'annullamento

1) dell'Ordinanza 21 agosto 2018 numero 7105 resa dalla Soprintendenza per i Beni Culturali e ambientali di Siracusa;

2) delle risultanze, ignote alla ricorrente, concernenti il presunto “…sopralluogo effettuato da tecnici di questa Soprintendenza in data 20/07/2018…” cui si fa cenno nell'ordinanza indicata al punto 1) e d'ogni altro atto presupposto, connesso e/o consequenziale ivi comprese le note 28 giugno 2018; 12/18/23 luglio 2018 e 10 agosto 2018 sempre richiamate;

3) del verbale di accertamento di violazione urbanistica, conseguente alla suddetta ordinanza, reso dal Comune di Siracusa Area III Settore Territorio il 24 agosto 2018;

4) dell'ordinanza 29 agosto 2018 numero 11/2018 resa dal Comune di Siracusa, Area III, Settore Territorio;

5) della nota 27 agosto 2018 protocollo 0130096 con la quale il Comune di Siracusa, Area III Settore Territorio, come presunta conseguenza dell’ordine di demolizione, dichiara la “revoca e archiviazione” della Segnalazione Certificata di Agibilità del 24 luglio 2018 numero 0118249 di protocollo, ritenendo espressamente privo di agibilità il manufatto;

6) di ogni ulteriore atto presupposto, connesso e/o consequenziale, non ancora conosciuto.


Visti il ricorso e i relativi allegati;

Visti tutti gli atti della causa;

Visti gli atti di costituzione in giudizio della Regione Siciliana - Assessorato Regionale Beni Culturali e Identità Siciliana e del Comune di Siracusa e dell’Agenzia del Demanio - Direzione Regionale Sicilia e della Regione Siciliana - Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Siracusa;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 11 ottobre 2018 la dott.ssa Giuseppina Alessandra Sidoti e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;


Ritenuto necessario, al fine di decidere sulla domanda cautelare, disporre una verificazione, volta ad accertare se vi siano ed in che termini difformità tra quanto realizzato ed il progetto come approvato ed autorizzato dagli enti resistenti, e ciò con specifico riferimento a quanto rilevato, contestato e ingiunto con gli atti impugnati ed avuto riguardo alle relative argomentazioni in atti delle parti costituite;

Ritenuto, a tal fine:

- di nominare il Dirigente del Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche Settore Provinciale di Catania, con facoltà di delega a funzionario in possesso di adeguata competenza professionale;

- di disporre che il verificatore dia avviso ai difensori delle parti a mezzo PEC dell’inizio delle attività di verificazione;

- di disporre che il verificatore completi l’incarico e depositi la relazione - alla quale dovranno essere allegati tutti i documenti anche fotografici, eventuali elaborati e quant’altro ritenuto necessario per l’espletamento dell’incarico - con le modalità telematiche entro 90 gg. dalla comunicazione o notificazione della presente; ai fini del deposito della relazione e degli allegati connessi all’incarico conferito, il Verificatore potrà collegarsi al sito della Giustizia Amministrativa, cliccare sulla voce “Processo amministrativo telematico” (in alto a destra), poi su “Documentazione operativa e modulistica” (da elenco a sinistra della pagina), poi, sotto la voce “Moduli”, aprire “Modulo PDF deposito ausiliari del Giudice e parti non rituali”. Aperto il modulo (per sistemi diversi da Internet explorer, dovrà essere preventivamente scaricato e poi aperto), dovrà essere compilato in ogni sua parte e, in ultimo, firmato con firma digitale;

Ritenuto, nelle more, che debba essere disposta la sospensione degli atti impugnati al fine di mantenere la res adhuc integra;

Ritenuto conseguentemente di rinviare per il prosieguo alla camera di consiglio del 28 marzo 2019;

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione Prima) dispone la verificazione e l’accoglimento dell’istanza cautelare come in motivazione, con la conseguente sospensione dei provvedimenti impugnati;

rinvia per il prosieguo alla camera di consiglio del 28 marzo 2019.

Così deciso in Catania nella camera di consiglio del giorno 11 ottobre 2018 con l'intervento dei magistrati:

Pancrazio Maria Savasta, Presidente

Maria Stella Boscarino, Consigliere

Giuseppina Alessandra Sidoti, Primo Referendario, Estensore

 
 
L'ESTENSOREIL PRESIDENTE
Giuseppina Alessandra SidotiPancrazio Maria Savasta
 
 
 

IL SEGRETARIO