Giustizia Amministrativa su Internet. I riferimenti positivi al sistema informativo della G.A. contenuti nelle relazioni di inaugurazione dell'Anno Giudiziario 2004 (*)

 

 

 

Francesco Brugaletta

Consigliere Tar Sicilia - Catania, Direttore di Diritto & Diritti (www.diritto.it)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lezione al I Corso di Alta Formazione 'Tendenze Evolutive del Diritto Amministrativo' Catania, marzo - luglio 2004

In occasione dell'inaugurazione anno giudiziario 2004 del T.A.R. Lazio [1] il Presidente Corrado Calabro ha dedicato una parte importante della Sua relazione alla descrizione dei vantaggi del sistema informativo della giustizia amministrativa dedicato alla pubblicazione delle sentenze e delle ordinanze (nonche' dei calendari e ruoli d'udienza) dal quale gli avvocati (ma anche i diretti interessati), possono scaricarne il testo gia dal giorno successivo alla pubblicazione.

Il Presidente ha detto testualmente che il sistema funziona e che con esso si e fatto "un grande passo avanti verso la trasparenza, la pubblicita e la fruibilita del servizio giustizia a costo zero". Inoltre ha precisato che il sistema informativo "suscita interesse in altri Stati, e sono venute presso di noi delegazioni, anche di Paesi transoceanici, a informarsi a fondo sul suo funzionamento".

Il Tar Lazio e inserito anche nel progetto sperimentale denominato "udienza in tempo reale", che consentira, a regime, agli avvocati di seguire direttamente dai propri studi l'andamento delle chiamate delle cause nell'udienza.

---

IL Presidente del Tar Napoli dr. Giancarlo Coraggio ha dichiarato che "...del resto tutta l'attivita del Tribunale e verificabile in ogni momento sul sito internet della Giustizia amministrativa, applicandosi a noi nel modo piu rigoroso il principio della trasparenza. Cio vale sia per i singoli passaggi processuali, il cui inserimento e automatico, sia per i provvedimenti adottati che sono inseriti tutti in tempo reale nel sistema".

---

A sua volta il Presidente del Tribunale amministrativo regionale della Sicilia Palermo, Dr. Giorgio Giallombardo, si e riferito all' attivazione, "che sta divenendo operativa proprio in questi giorni, di una rete INTRANET, grazie alla quale i magistrati amministrativi sono posti in grado, tra l'altro, di accedere direttamente ad una serie di banche dati costantemente aggiornate, oltre che di interconnettersi fra di loro e con gli Uffici della propria giurisdizione nell'intero territorio nazionale".

Ha precisato infine che la realizzazione a regime di questo sistema consentira di trasmettere e ricevere documenti "on line", approntando veri e propri fascicoli "virtuali", nella prospettiva di un futuro processo telematico.

----

Pier Giorgio Lignani, Presidente del Tribunale amministrativo regionale dell'Umbria nella relazione per l'apertura dell'anno giudiziario 2004 ha espressamente citato il servizio di accesso via internet a tutti gli atti e registri di segreteria dell'intera Giustizia Amministrativa, servizio che viene gestito a livello nazionale, e riguarda simultaneamente tutti i Tribunali amministrativi e il Consiglio di Stato.

Collegandosi al sito www.giustizia-amministrativa.it, chiunque, senza necessita di accreditamento, ha visione di tutto cio che, di diritto, e accessibile al pubblico: il testo delle decisioni (sentenze e ordinanze), i ruoli di udienza, il registro generale ricorsi con i dati relativi allo stato del procedimento, alle parti costituite, e via dicendo. "Il sistema sara presto integrato con strumenti di riconoscimento degli aventi diritto in modo da consentire l'accesso telematico anche ai dati riservati alle parti del singolo processo.

Ancora piu avanti, ma e solo questione di tempo, sara possibile alle parti presentare, per via telematica, atti, istanze, documenti, ed avere accesso agli atti delle controparti come oggi gia avviene per i provvedimenti del giudice".

 

NOTE

 

[*] Questo scritto costituisce parte integrante della lezione tenuta al I Corso di Alta Formazione " Tendenze Evolutive del Diritto Amministrativo", organizzato a Catania, da marzo a luglio 2004, dallo Studio Legale Giurdanella e l'European School of Economics.

[1] Si ricorda che tutte le relazioni per esteso possono essere consultate nel sito istituzionale www.giustizia-amministrativa.it.